La panna montata

Ti è avanzato un po’ di impasto del Pan di Spagna?
20/05/2019
Come utilizzare gli stampi in silicone per alimenti
27/05/2019
Mostra tutti

Non sempre si riesce ad ottenere un’ottima panna montata e questo accade, più di frequente, nei periodi più caldi dell’anno.

Esistono vari parametri che possono influenzare la montabilità della panna e su alcuni di questi possiamo porre particolare attenzione per lavorare con successo.

Un fattore importante è la Temperatura.

La panna va montata quando è fredda. La temperatura interna, standard, di un frigorifero è di circa 4°C ed è una temperatura media ideale per montare la panna. Se lo desideri, puoi inserire all’interno del frigorifero un termometro adatto, per poter verificare realmente la temperatura interna della camera ed avere un maggiore controllo del tuo elettrodomestico.

Prima di montare la panna, quindi, ti consiglio di tenerla in frigorifero almeno un paio d’ore prima di montarla.

…e ricorda che non è consigliabile congelare la panna, perché potrebbe deteriorarsi compromettendo in questo modo la montabilità. Ti scrivo questo suggerimento perché potrebbe balenarti l’idea di porla in congelatore per accelerare i tempi.

Dopo averla tenuta in frigorifero per almeno un paio d’ore, ti suggerisco di versarla in un contenitore oppure nel vaso di una impastatrice planetaria precedentemente raffreddato. Utilizzare un contenitore caldo di lavaggio oppure a temperatura ambiente (calda) potrebbe annullare l’accorgimento della corretta temperatura della panna.

L’importanza della temperatura vale anche nel caso in cui preferirai utilizzare una panna UHT, che normalmente non si conserva in frigorifero.

Altro fattore importante è la quantità di grassi contenuti nella tua panna.

Più è alta la quantità di grassi contenuta nella panna, minore sarà il tempo necessario per montarla.

Per trovare questa informazione, ti sarà sufficiente verificare sulla tabella nutrizionale della confezione la quantità di grassi descritta. Normalmente i grammi di grassi espressi sono rapportati ad una quantità di 100 g di prodotto…puoi quindi, banalmente, considerarli già la percentuale che stai cercando.

Mediamente la panna in commercio in grande distribuzione (il supermercato) contiene una percentuale di grassi del 35% ed è più che sufficiente per le tue preparazioni.

Le linee professionali ed alcune catene di supermercati all’estero, offrono invece una serie di prodotti diversi, che contengono dal 12% al 48% di grassi (double cream).

In quel caso, ancora ad esempio, una panna contenente il 25% di grassi necessiterà di circa 10 minuti di battitura per montare bene diversamente da una panna al 42% di grassi che monta in un minuto.

Sarà quindi proporzionale anche la stabilità della panna montata. Maggiore sarà la quantità di grassi, maggiore stabilità e tenuta avrà nel tempo la panna montata.

Se desideri sapere come puoi colorare la panna montata leggi l’articolo su Come colorare la Pasta di Zucchero.

Ti auguro buon lavoro e…adesso dopo questo bel racconto, mi è venuta voglia di uscire per comprare la panna…e le fragole!

…leggi anche

Ti è avanzato un po’ di impasto del Pan di Spagna?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.